Social Media Sports News
_____________________________________________________________________________________________________________________________________

#SuperBowl da record su Twitter

Domenica sera il mondo intero si è fermato e gli sguardi di tutti si sono diretti idealmente al MetLife Stadium di East Rutherford, cittadina americana del New Jersey a pochi chilometri da New York per uno degli eventi sportivi più attesi dell'anno: l'edizione numero 48 del Super Bowl.



Quest'anno la finale mondiale ha visto sfidarsi i Seattle Seahawks, miglior difesa della NFL e i Denver Broncos, miglior attacco della lega e guidati dal braccio divino di Peyton Manning. La sfida si è conclusa a favore della squadra di Seattle che sin dai primi minuti ha preso in mano le redini del gioco ed è passata in vantaggio sfruttando un errore grossolano dell'attacco di Denver. I Seahawks sono andati all'intervallo sul 22-0 per poi chiudere definitivamente il match con un sonoro 43-8.

Il Super Bowl è una manifestazione che raccoglie tutti i tipi di appassionati, sportivi e non, anche grazie alla varietà di contenuti che propone: oltre al match, i tifosi aspettaano con trepidazione anche il celebre show dell'intervallo che quest'anno ha visto la partecipazione di Bruno Mars, Nicky Minaj e dei Red Hot Chili Peppers. Sono inoltre famose le pubblicità del SuperBowl, spazi di pochi e costosissimi secondi in cui le aziende si sfidano a colpi di creatività. Ma la finale del Super Bowl coinvolge anche iniziative esterne: quest'anno gli U2 hanno reso possibile scaricare gratuitamente solo per due giorni il loro singolo Invisible.

Immagine da blog.twitter.com
Durante un evento di tale portata era inevitabile che sui social impazzassero le conversazioni tanto che secondo i dati pubblicati da Twitter, sono stati inviati più di 24,9 milioni di tweets
superando il record dello scorso anno che si era fermato a "soli" 24,1 milioni. 
Percy harvin, Richard Sherman e Russell Wilson sono stati gli Hawks più menzionati, mentre tra le file dei Broncos al primo posto siede inevitabilmente il faro della squadra Peyton Manning seguito da Eric Decker e Wes Welker.

Importante è stato il ruolo degli hashtag ufficiali delle due franchige che hanno unito i tifosi dei rispettivi club e li hanno coinvolti in iniziative particolari garantendo inoltre facilità di interazione e di misurazione del #fanengagement. Da un lato #12thman dei Seahawks dall'altro #UnitedInOrange dei Broncos.


Il boato della folla su Twitter è stato più forte nel corso del Super Bowl 48 rispetto a quella precedente, con picchi di conversazione, misurati in tweet al minuto (o TPM), nettamente superiori rispetto all'edizione 47:

Francesco Bossoni

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.

Translate

L'autore

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing & Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.


Portfolio website francescobossoni.me

Segui Francesco su Twitter

Collegati con Francesco su LinkedIn

Aggiungi Francesco alle tue cerchie su  Google+

Follow by Email