Social Media Sports News
_____________________________________________________________________________________________________________________________________

ManUtd, banditi i tablet dall'Old Trafford

Red Devils controtendenza in Premier League: vietato l'uso dei tablet allo stadio per impedire l'organizzazione di manifestazioni di protesta.



Nuova stagione sportiva e nuove regole. Fino a pochi giorni fa la principale novità della Premier League 2014/2015 era rappresentata dall'introduzione dello spray in dotazione agli arbitri per segnalare il limite della barriera. Novità talmente apprezzata dai tifosi che l'hashtag #SprayForBPL lanciato su Twitter è rimasto nei TT del Regno Unito per diversi giorni.

L'altra novità riguarda invece solo i tifosi del Manchester United: non ci saranno più tablet all'Old Trafford in questa stagione. La società di Manchester ha infatti deciso di vietare ai suoi sostenitori l'uso di iPad e altri dispositivi tablet nel mitico stadio dei Red Devils.

In un comunicato apparso sul sito ufficiale e diretto a tutti i propri sostenitori, il club ha reso noto che "grandi dispositivi elettronici tra cui computer portatili e tablet saranno aggiunti all'elenco esistente di articoli proibiti per giornate all'Old Trafford. Ci scusiamo per gli eventuali disagi che ciò può causare, ma ci siamo impegnati a garantire la sicurezza di tutti i tifosi, che è la nostra priorità numero uno".
Smartphone e piccole telecamere saranno ancora ammessi all'interno dello stadio Old Trafford "a condizione che non superino le dimensioni massime ammissibili di 150 x 100 mm".
Principale scopo della campagna anti-tablet sarebbe quello di prevenire la nascita di eventi di gruppo organizzati dai sostenitori tramite i social network, probabilmente per evitare eventuali manifestazioni di protesta che proprio lo scorso anno hanno visto il pubblico dell'Old Trafford costantemente contrapposto a David Moyes, allenatore chiamato a sostituire Sir Alex Ferguson che invece ha tradito le aspettative.

Quella del Manchester United è comunque una scelta curiosa e quantomai in controtendenza rispetto ai trend della Premier League. Alcune tra le principali squadre rivali dei Red Devils come Manchester City e Liverpool si stanno muovendo nella direzione opposta tanto che negli ultimi anni hanno investito pesanti risorse nella creazione di Connected Stadium, impianti dotati di connessione Wi-Fi gratuita così da consentire ai tifosi di interagire con la squadra attraverso i canali social.

Ma se è vero che da un lato il rischio di eventi organizzati e potenzialmente pericolosi è reale, per contro la colpa non è certo dei social media o dei dispositivi mobili anche perché altrimenti il divieto dovrebbe essere esteso anche agli smartphone.

Pertanto sorprende la scelta fatta dallo United anche se bisogna tenere conto del fatto che i Red Devils non sono una società particolarmente amante dei social. Dopo il lancio della pagina su Facebook sono passati circa 5 anni dall'apertura di un account su Twitter e tutt'oggi le strategie digitali ed editoriali del club non sembrano ancora perfettamente chiare e delineate come dimostrano alcuni insuccessi ottenuti in campo digitale tra i quali spicca il disastroso Q&A con Michael Carrick dello scorso anno.

Francesco Bossoni

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.

Translate

L'autore

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing & Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.


Portfolio website francescobossoni.me

Segui Francesco su Twitter

Collegati con Francesco su LinkedIn

Aggiungi Francesco alle tue cerchie su  Google+

Follow by Email