Social Media Sports News
_____________________________________________________________________________________________________________________________________

Sport e comunicazione: i diritti tv

Lo sport si nutre di comunicazione, ma anche, e soprattutto, vive dei diritti tv che vengono ridistribuiti alle squadre sportive e che costituiscono la maggiore fonte di introiti per i club che li ricevono.

Proprio in relazione agli introiti provenienti dalle televisioni, il Master Universitario in “Sport Management, Marketing and Sociology” della Facoltà di Sociologia dell’Università degli Studi Di Milano Bicocca, coordinato dal prof. Franco Ascani, e con il patrocinio della FICST (Federazione Internazionale Cinema Sport e Televisione), ha realizzato una ricerca sul mercato dei diritti televisivi legati a grandi eventi sportivi dal titolo: “Presente in chiaro, futuro criptato”. Durante la presentazione della ricerca, avvenuta il 26 Ottobre in occasione della Cerimonia di Conferimento dei Titoli di Master Universitario, è stato inoltre annunciato l’arrivo della tecnologia olografica –attualmente allo studio- applicabile nel prossimo futuro durante gli eventi sportivi.



I canali televisivi interamente dedicati allo sport che oggi operano nel panorama mondiale son ben 1133, di cui 126 solo negli USA. Per quanto riguarda l’Europa, la Gran Bretagna è leader con 98 canali; seguono -più distaccate- Francia (40) e Italia (37). Negli Stati Uniti, chi detiene i diritti è la Lega centrale: l’NBA, ad esempio, vende i diritti alle tv nazionali ed internazionali, lasciano però alle singole squadre la gestione dei diritti per le emittenti locali via cavo. Al contrario in Europa sono le singole Federazioni le proprietarie dei diritti tv. La UEFA, ad esempio, vende il pacchetto intero, lasciandone la gestione alle singole Leghe locali. Nel caso dell’Italia, la Serie A vende i diritti a pacchetti, divisi per piattaforme, highlights e partite.


Per un confronto tra le Leghe europee ecco qui di seguito lo schema dei ricavi (tra cui i diritti tv) nella stagione 2011/2012:



Si può notare come, nonostante gli introiti provenienti dai media siano più bassi rispetto a Francia e Italia, la Premier League è stata capace di sopperire a questa “mancanza” con investimenti mirati ad aumentare i ricavi provenienti dallo stadio e dal commercio dei prodotti ufficiali, così come la Spagna e la Germania.

Per quanto riguarda i top club europei, la tabella seguente mostra i ricavi provenienti dai media durante la stagione sportiva 2011/2012:



Per quanto riguarda invece i ricavi dei diritti tv della stagione in corso (2012/2013) in Serie A la tabella sottolinea come la Juventus Fc, Campione d’Italia in carica, sia in testa, seguita dalle milanesi Ac Milan e Fc Inter Milan.


Il grafico seguente mostra la divisione dei diritti tv, che in Italia segue tre principali criteri:
- 40% dei proventi dei dirittti tv viene ridistribuito in parti uguali tra le squadre partecipanti al torneo
- 30% in base al bacino d’utenza (25% sulla base dei sostenitori e il 5% in relazione alla popolazione residente nel comune in cui gioca la squadra)                                                  - 30% sulla base dei risultati ottenuti dalla squadra suddiviso in: 
- 5% in base ai risultati raggiunti nella stagione sportiva precedente
- 15% in base ai risultati del quinquennio precedente
- 10% sulla base dei diritti storici a partire dal 1946/47










-->

Francesco Bossoni

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.

Translate

L'autore

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing & Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.


Portfolio website francescobossoni.me

Segui Francesco su Twitter

Collegati con Francesco su LinkedIn

Aggiungi Francesco alle tue cerchie su  Google+

Follow by Email