Social Media Sports News
_____________________________________________________________________________________________________________________________________

Addio Olimpiadi per colpa di un tweet.


Un semplice cinguettio può essere fragoroso come un boato, anche nelle sue conseguenze. 
Lo sa bene Voula Papachristou, atleta greca che è stata espulsa dai Giochi Olimpici di Londra 2012 a causa di un tweet a sfondo razzista. «Con tanti africani in Grecia, le zanzare che arrivano dal Nilo occidentale – ha scritto la triplista ellenica sulla propria pagina Twitter  - almeno riceveranno il cibo da casa».

Il tweet razzista della Papachristou



La Federazione Olimpica greca ha sempre incoraggiato i propri atleti all’utilizzo dei social networks per esprimere sensazioni ed emozioni relative alle gare, e creare quindi quel rapporto di complicità tra sportivo e fan che solo i social media possono garantire. Ma come ha sottolineato Isidoros Kouvelos, capo della delegazione ellenica a Londra 2012 la Papachristou si è spinta molto oltre. «Considerazioni di questo tipo non sono tollerate».

Il Comitato Olimpico, in accordo con la Federazione Greca, ha deciso di espellere l’atleta dai London 2012: un fatto che non ha precedenti nella storia dei Giochi. Ciò ovviamente perchè solo quattro anni fa i social media non avevano la popolarità e il numero di utenti che hanno oggi, ma il caso dell'atleta ellenica fornisce uno spunto di riflessione importante: gli atleti sono sotto gli occhi di tutti e pertanto il Comitato Olimpico dovrebbe provvedere a creare una social media policy per impedire che situazioni del genere avvengano anche in futuro.

La Papachristou è quindi la prima vittima delle regole sull’uso dei social networks imposte dal Comitato Olimpico. A nulla sono valse le scuse dell’atleta ellenica, su Facebook e su Twitter, per la battuta «sgradevole e di cattivo gusto». L’atleta ha provato a fare retrofront cancellando il tweet "incriminato" e spiegando che i suoi ideali non sono in contrasto con lo spirito olimpico e che non è a favore della discriminazione tra gli esseri umani. «Vorrei chiedere scusa a tutti i miei amici, ai miei colleghi atleti, che potrei aver insultato o imbarazzato, alla squadra nazionale e alle persone e alle aziende che sostengano la mia carriera atletica. Per finire, vorrei chiedere scusa anche al mio allenatore e alla mia famiglia». Ma ormai era già troppo tardi: la tweettata...pardon...la frittata era fatta.

Francesco Bossoni

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing e Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.

Translate

L'autore

Francesco Bossoni è uno studente di Marketing & Comunicazione presso l'Università degli Studi di Bergamo (ITA), aspirante giornalista e amante del web e dello Sport. Dalle sue principale passioni -Comunicazione e Sport- egli sviluppa un grande interesse per lo sport digitale e comunicazione sportiva. Decide allora nel 2012 di lanciare sportsays.net, il primo blog italiano dedicato alla comunicazione social in ambito sportivo.


Portfolio website francescobossoni.me

Segui Francesco su Twitter

Collegati con Francesco su LinkedIn

Aggiungi Francesco alle tue cerchie su  Google+

Follow by Email